La bonanima de Bombetta

Ass. Culturalele IL CENACOLO DEI FARFALLONI

Osimo (AN)

Genere: Commedia

Lingua: Dialetto Osimano (Marche)

Anno della videoregistrazione: 2013

Durata: 105′

Autori: Edoardo Cintioli e Beatrice Gatto

Regia: dei Farfalloni

Piattaforma: YOUTUBE


Personaggi e interpreti:

Eusebio Casamicciola De Carolis – Edoardo CINTIOLI
Clementina Stortoni – Teresa LANARI
Clemente Stortoni – Giacomo GRILLI
Gaetano Santilli – Francesco LANARI
Onega – Elia GRILLI
Bombetta – Francesco MAZZIERI
Antonino Speranzoni – Filippo LEITA
Caterina Cantori – Valeria TABORRO
Leonetta Bartoli – Sara PETROSELLI
Mafalda Staffolani – Daniela BIAGIOLA
Frate Eleuterio – Elia GRILLI
Suor Maria Addolorata – Sara PETROSELLI
Suor Maria Crocifissa – Daniela BIAGIOLA
Suor Maria Incatenata – Valeria TABORRO
Esterina Gonnelli – Laura PETTINARI
Una Giornalista televisiva – Laura PETTINARI
Nazzareno Angeletti detto Barabba – Filippo LEITA

Tratto da un vero fatto di cronaca. Osimo, inverno 1874. Un misterioso gentiluomo in cilindro e finanziera scende alla stazione e noleggia un fiacre (un taxi dell’epoca) per recarsi in città. È notte: durante il tragitto qualcuno ferma la vettura e uccide il passeggero. Mai si riuscirà a far luce sui mandanti del delitto e sull’identità dell’uomo, che la popolazione locale soprannominerà “Bombetta”. Da allora, questa inquietante storia è stata tramandata di generazione in generazione, e leggenda vuole che l’anima senza pace del suo protagonista si aggiri ancora per la città, terrorizzando i viandanti notturni. Come riscoprire questa insolita vicenda, che ha animato i racconti di tanti nonni seduti coi nipotini attorno al focolare? …Gli autori de “La Bonanima de Bombetta” hanno provato a ricostruire con la fantasia l’indagine che si è svolta dopo il delitto. Il risultato è una commedia ora allegra e surreale, ora drammatica e meditativa, dove il sorriso e la riflessione s’incontrano per delineare i vizi, le virtù, i dubbi e i moti interiori dei vari personaggi. Una trama in due atti che parla del passato e insieme del presente, anche grazie all’uso di anacronismi paradossali, che catapultano aspetti e problematiche del mondo contemporaneo nella Osimo di 140 anni fa.


I “deep link” dei video sono stati forniti a ilteatroamatoriele.it dalle compagnie, che se ne assumono tutte le responsabilità sia per i contenuti che per gli adempimenti legali in relazione alle normative vigenti sul diritto d’autore


Compagnia di Teatro Amatoriale El Passì

Ma que… perdéro perdéro?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *