Ti porto a cena con Freud

Compagnia Teatrale BROCCHI DA CARRETTA
Rivoli (TO)

Titolo: Ti porto a cena con Freud

Genere: Dramma comico

Lingua: Italiano

Anno della videoregistrazione: 2019

Durata: 100′

Autore: Alberto Cotti

Regia: Francesca Gnan e Giovanni Barolo

Piattaforma: YOUTUBE

Personaggi e interpreti:

Sigmund Freud – Rinaldo ALLAIS
Anna Freud – Elisa GILI
Filippo – Andrea CARAVRIO
Anita – Tiziana DE LONGHI
Elisa De La Tour – Francesca GNAN
Finnigan – Enrico NASI
Margaret – Patrizia NOSCHESE
Brahms il clown – Claudio MISTRO
Commissario Paretta – Bruno BORTOTTO
Jaques – Pino DE LUCA

Anna Freud, tornata da pochi giorni da un lungo periodo di degenza in cliica, organizza in occasione del compleanno del marito Sigmund una festa a sorpresa con la complicità del cameriere Filippo. A causa degli anni trascorsi fuori casa, la donna spedisce gli inviti, anziché agli amici di famiglia, ai pazienti del professore. Un’incontenibile carovana di curiosi personaggi invade così il salotto di casa Freud, aprendo una finestra su mille sfumature della mente, dall’ipocondria alle tendenze suicide. In casa si presenta anche Anita, l’amante di Freud, il cui nome e indirizzo sono presenti nell’agenda contenente le generalità dei pazienti, e a cui l’uomo non ha detto di essere sposato; a complicare ancor di più lo svolgimento della serata sarà l’uccisione di uno dei pazienti. In una miscela di divertenti gag tutti gli invitati si improvvisano detective per scoprire chi ha commesso l’omicidio, mentre Freud cerca di tenere lontane Anit e Anna, con scarsissimi risultati. Sarà proprio lo psicanalista a scoprire il colpevole, ma avrà ragione? In un finale ricco di colpi di scena, il pubblico scoprirà che la psiche ha davvero migliaia di colori e che, a volte, una mente all’apparenza sana presenta cicatrici indelebili.


I “deep link” dei video sono stati forniti a ilteatroamatoriele.it dalle compagnie, che se ne assumono tutte le responsabilità sia per i contenuti che per gli adempimenti legali in relazione alle normative vigenti sul diritto d’autore


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *