ULTIMORA. Chivasso (TO), 7 dicembre 2019: la compagnia La Corte dei Folli al Civico

Sabato 7 dicembre alle 21.00, presso il Teatrino di Chivasso (Torino), la compagnia La Corte dei Folli va in scena con In nome del padre, di Luigi Lunari, regia di Stefano Sandroni.

Una donna ed un uomo si trovano in un luogo misterioso, che presto si rivela come una sorta di purgatorio, dove essi devono liberarsi dai loro drammatici ricordi per approdare ad una meritata pace eterna. Rosemary e Aldo provengono dai poli opposti della nostra società: sono figli di due importanti uomini politici, storicamente esistiti, di contrapposte posizioni ideologiche. Lei è figlia di un uomo potentissimo, un vero e proprio protagonista del mondo del potere e del danaro, lui è il figlio di un povero rivoluzionario, per lungo tempo esule dalla sua patria, che lotta per sconfiggere quel mondo ed imporre una nuova eguaglianza tra gli uomini. Diciamo pure “una capitalista” e “un comunista”. Entrambi i figli hanno pagato un durissimo prezzo alla personalità e alle ambizioni – pur così diverse – dei loro padri, dai quali sono rimasti irrimediabilmente schiacciati. Il dramma si sviluppa intorno al serrato dialogo liberatorio di questi due personaggi, nel luogo dell’anima non ben precisato dove s’incontrano, quasi una sala d’attesa verso un ipotetico aldilà.

NEL NOME DEL PADRE, scritto da Luigi Lunari nel 1997.

Scrive l’autore dell’opera:
Il germe primo di “Nel nome del Padre” risale al dicembre del 1993, quando mi imbatto in una pagina del “Giornale”, allora di Montanelli, nella quale, sotto il titolo di “Un giallo lungo trent’anni” si annuncia che è stato “Ritrovato in una casa di cura di Modena un certo “Aldo” dal carattere contorto e difficile, con tratti schizofrenici e autistici, insuperabilmente solo, che confessa di non ricordare di essere mai stato bambino, e che chiede, al giornalista che lo incontra, com’era suo padre… Non so perché: ho ritagliato quell’articolo e l’ho messo in una cartelletta rossa, e lì l’ho lasciato assieme a molte altre cose. Poi, molti mesi dopo, in un numero del” Sundey Times” di Londra mi ha colpito un trafiletto a metà pagina, in cui si accennava alla sorte di “Rosemary”, ricoverata in una lussuosa casa di cura, dopo essere stata lobotomizzata , per volontà e decisione di suo padre che ne sentiva imbarazzante la presenza. Lei, Rosemary, che a suo padre scriveva parole lancinanti, quasi scusandosi di essere diversa, operata al cervello ed “eliminata” a ventun anni, nel 1941, sopravvivrà a tutti, per spegnersi — per quel poco che aveva da spegnere — nell’anno di grazia 2005 mentre Aldo morirà, ancora degente in quella clinica modenese, nel 2011. Ancora una volta non so perché: ma ho ritagliato anche quel trafiletto e l’ho messo nella stessa cartella di cui sopra. Poi, in quella cartelletta, o più verosimilmente nel cervello del sottoscritto, i due ritagli si sono accostati, si sono fusi insieme come per un fenomeno stereochimico, e Aldo e Rosemary si sono incontrati ed hanno cominciato a dialogare e a confrontarsi. Dopo una gestazione insolitamente breve per le mie abitudini nasce “Nel nome del Padre”…. Ma qui il sipario si apre e l’Autore si tace: “Nel nome del padre” deve parlare da sé.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *