Serata in famiglia della compagnia La Ribalta a Vazzano (VV).

di Rosario Gattuso

Un personaggio narrante introduce la storia che si svolge all’interno di una confortevole casa di un elegante quartiere di Milano.
C’è una cena in programma tra amici, parenti e un fattorino delle pizze sbadato.
La serata procede tranquilla tra bicchieri di vino rosso e risate, fino a quando una banale domanda darà l’inizio ad una catena di conseguenze inimmaginabili.
Una ridicola domanda scoperchierà le differenze politiche, le condizioni sociali, le credenze popolari, e soprattutto il rapporto intimo tra amici, spesso meschino, velato da menzogne, condito da gratuite cattiverie, farcito dall’invidia e mascherato da ridicole ed evidenti smorfie di totale indifferenza.
Serata in famiglia prende due mondi, quello radical chic, “taccagno”, fastidiosamente intellettuale e bohemien della sinistra, e quello sfacciatamente ricco, elegante, altezzoso, tendenzialmente ignorante e privo di riferimenti storico-culturali della destra, facendoli scontrare in un salotto, per colpa di un banale nome di un neonato.
Nasce così questa commedia frizzante, dinamica e travolgente, con un testo teatrale frenetico che segue, quasi ossessivamente, le mitragliate di dialoghi che i personaggi presenti alla serata si scambiano per circa 100 minuti di risate.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *