12 e 13 luglio 2018: doppio appuntamento con Hystrio Teatro a Castelfranco di Sotto e a Ponsacco (PI)

Giovedì 12 a Castelfranco di Sotto (Pisa) e venerdì 13 luglio a Ponsacco (Pisa), la compagnia teatrale Hystrio Teatro presenta Irriverenti Femmine, di Hystrio Teatro, con Elena Pace e Stefania Pugi, consulenza coreografica di Eleonora Billardello e Regia di Alessandro Tognarelli

Se vi diciamo che le nostre creature sono diverse forse vi aspettate la solita solfa sugli omosessuali, oppure sulle persone di colore, oppure sui disabili, oppure sugli extracomunitari, o chissà cos’altro.
E invece no, non intendiamo soffermarci su questioni sulle quali si esprimono tanti moderni soloni che pontificano sull’uguaglianza e il rispetto, con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti.
Non aspettatevi nemmeno che le nostre creature, nella loro diversità, magari commettano reati, o che diano in escandescenze per motivi banali. Però non vi dovete aspettare nemmeno che sappiano omologarsi al vostro pensiero corrente, o che i loro ragionamenti collimino con il vostro immaginario comune.
Allora, come ve le immaginate? Pericolose? Mostruose? Pazze? Oppure avete paura che questi strani esseri intendano intrufolarsi nel vostro territorio, saccheggiare il vostro mondo che appare così scintillante, rompere i vostri equilibri sociali o magari ribaltare i vostri valori? È così?
Noi possiamo solo dirvi che le nostre creature diverse sono femmine perchè le femmine sono tutte diverse, e anche se agli uomini non piace sentirselo dire, come ogni cosa diversa agli uomini fanno paura. Così tanta paura che i più codardi tra loro, non potendo reggere al confronto, le uccidono. Le nostre femmine sono animali, sono tutti i diversi del mondo, proprio tutti, qualsiasi sia il loro colore, la loro provenienza o il loro orientamento, tutte quelle creature, insomma, che molti di voi hanno relegato nei ghetti dell’intolleranza e dell’ostilità. Le nostre femmine parleranno secondo la propria natura, ma saranno, vi avvertiamo, molto, molto irriverenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *