4 domande ai professionisti del palcoscenico: Luigi De Filippo

Intervista pubblicata il 4 ottobre 2015

LUIGI DE FILIPPO, figlio del grande Peppino, attore, regista, commediografo, impresario e produttore teatrale.

IL TEATRO UNISCE TUTTI QUELLI CHE LO FANNO, SIA COME PROFESSIONE CHE COME HOBBY.  LEI È D’ACCORDO?
Il teatro dà indicazioni, fa pensare, sviluppa l’intelligenza, fa riflettere. La cosa più importante è quella di comunicare al pubblico delle belle emozioni, che coinvolgano e che facciano in modo che la gente se ne torni a casa portandosi a braccetto i personaggi che ha visto sul palcoscenico. Bisogna fare in modo che il pubblico si affezioni al teatro e alla cultura. Il teatro non è altro che il racconto della nostra vita di tutti i giorni.

COME È INIZIATA LA SUA PASSIONE PER IL TEATRO?
Osservando il quotidiano della mia famiglia. A casa mia si parlava soprattutto di teatro, dalla mattina alla sera; si progettava teatro, si respirava teatro. Io da piccolo avrei voluto fare soprattutto lo scrittore. Quando scrissi la mia prima commedia, “Storia strana su una terrazza napoletana”, la feci leggere a mio padre per avere un suo parere. Tardava a rispondermi ed io temevo che non gli piacesse. Poi, qualche giorno dopo, trovai sulla mia scrivania un biglietto che ho tuttora scolpito nella memoria: “Caro Luigi, la tua è una bella commedia, vorrei averla scritta io. Ti abbraccio, papà”

COSA NE PENSA DEL TEATRO FATTO DA SEMPLICI APPASSIONATI?
Tutto il bene possibile, ma quando c’è fantasia. La fantasia e la tradizione sono importanti. Il teatro amatoriale è molto attento alla tradizione, e è sempre dalla tradizione che si deve partire.

LE È MAI CAPITATO, DOPO AVER ASSISTITO A UNO SPETTACOLO AMATORIALE, DI PENSARE: “QUESTI QUI SONO PIÙ BRAVI DI ALCUNI PROFESSIONISTI”?
Qualche volta mi è capitato. Non molto spesso, a dire il vero, ma qualche volta succede.

Per informazioni su Luigi De Filippo
Il sito web
Luigi de Filippo su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *