Vibo Valentia: Si è tenuto il convegno sul Teatro Amatoriale

Intervista al presidente della UILT Calabria: Riapriremo presto il Teatro Valentini

Si è tenuto a Vibo Valentia, venerdì 19 maggio scorso, il convegno “Divieto di teatro: RassegnAzione?“, organizzato dalla Uilt Calabria e da quattro compagnie amatoriali vibonesi. Abbiamo sentito in proposito Gino Capolupo, presidente della Uilt regionale calabrese.

PRESIDENTE, PUÒ FARCI UN BREVE RESOCONTO DEL CONVEGNO?
Il Convegno sul Teatro Amatoriale è stato promosso dalla UILT Calabria, in collaborazione con quattro compagnie UILT: I Commedianti, I Nati per Caso, La Ribalta, Il Laboratorio UICI.
C’è stata una buona presenza di pubblico e soprattutto di quanti operano nell’ambito del teatro amatoriale, dell’associazionismo culturale, e di quanti hanno la responsabilità della gestione della cosa pubblica.
La sintesi del Convegno, credo, possa essere definita in poche parole: Divieto di Teatro a Vibo Valentia, almeno per noi “Amatori”.

PER QUALI RAGIONI È STATO ORGANIZZATO?
La ragione contingente è stata sicuramente il provvedimento di sospensione della nostra Rassegna “Tutti a Teatro”, giunto la mattina del sesto spettacolo in cartellone. Con il Convegno volevamo fare chiarezza su quanto sta accadendo nella nostra città, ma soprattutto volevamo fare proposte. Per noi è inconcepibile che una città capoluogo di provincia con una lunga tradizione culturale e teatrale, sia ridotta a non avere un solo teatro agibile. Hanno distrutto il Teatro Comunale, Il Teatro Valentini è chiuso da oltre venti anni, nel 2013 l’Amministrazione Provinciale di Vibo Valentia inaugurava l’Auditorium dello Spirito Santo ma non è stato mai agibile, numerose strutture scolastiche cittadine hanno all’interno locali costruiti per il teatro, ma per difetti di costruzione o carenze varie non sono mai stati utilizzati.
Un quadro desolante che veniva attutito dalla disponibilità del cinema Moderno ad ospitare spettacoli teatrali: infatti l’Amministrazione Comunale organizzava la Stagione Teatrale 2016/2017 conclusasi il 7 aprile e noi la Rassegna “Tutti a Teatro”. La Stagione teatrale comunale ha avuto regolarmente termine, mentre, la mattina del 21 aprile 2017, quando la sera avrebbe dovuto andare in scena la Compagnia locale “La Ribalta”, un comunicato del Comando dei Vigili del Fuoco intimava alla direzione del Cinema Moderno di non effettuare nel locale spettacoli teatrali , in quanto lo stesso aveva agibilità esclusivamente come locale cinematografico.
Le difficoltà per noi sono state enormi, non avevamo nemmeno il tempo per avvisare il nostro pubblico. Abbiamo dovuto accoglierlo comunque la sera, scusarci e rimandarlo a casa.
Ora i nostri interrogativi sono tanti: perché nessuno ci ha avvisati di questa inagibilità? Le regole valgono per tutti?
Quando mancano le condizioni di sicurezza è doveroso intervenire, anzi necessario, ma… forse lo si doveva fare prima.
Noi intanto la nostra rassegna la continueremo all’aperto.

QUALI DIFFICOLTÀ INCONTRANO LE COMPAGNIE AMATORIALI IN CALABRIA?
La reperibilità di luoghi teatrabili è fra le principali difficoltà delle compagnie calabresi e ad essa si aggiunge lo scarso credito che alcuni nostri amministratori attribuiscono al teatro amatoriale. Non tutti per fortuna: nel corso del nostro convegno è intervenuto, tra gli altri, il consigliere regionale Michelangelo Mirabelli il quale ha riferito di un suo disegno di legge che sarà presto presentato e che dedica attenzione al teatro amatoriale.
Noi chiediamo che il nostro teatro venga giudicato senza alcuna pregiudiziale di dilettantismo; amatoriale è solo un aggettivo che qualifica il nostro modo di fare teatro: per amore e non per professione.

CHE FARE, NON SOLO IN CALABRIA, PER MIGLIORARE LA SITUAZIONE?
Quello che abbiamo dichiarato a conclusione del convegno. Rimboccarsi le maniche con sempre più decisione, non piangerci addosso ed avere il coraggio di essere propositivi, di sognare, perché i sogni possono avverarsi. Noi un impegno concreto alla fine del convegno l’abbiamo preso: riapriremo il Teatro Valentini, lo storico teatro della città di Vibo Valentia chiuso da oltre venti anni. Sarà un’impresa difficile ma siamo pronti e preparati per questa sfida, il nostro futuro vogliamo costruirlo con le nostre mani e a Natale la città di Vibo Valentia avrà un teatro, il suo teatro Valentini!
Già una compagnia, anch’essa affiliata alla UILT, ha dimostrato che i sogni possono avverarsi: la Compagnia Teatro Incanto ha già riaperto lo storico Teatro Comunale di Catanzaro, anch’esso abbandonato da oltre 20 anni.
Avanti così e le cose cambieranno anche da noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *